Psicologia dell’apprendimento della lingua inglese per studenti e trainer

Esistono diverse teorie che illustrano le dinamiche di apprendimento delle lingue e altrettante che illustrano metodi e buone pratiche per l’insegnamento. In questo articolo potrai scoprire di più su due delle più acclamate teorie dell’apprendimento promulgate da Stephen Krashen, un noto linguista e attivista che ha dedicato la sua vita allo studio dell’apprendimento delle lingue.

Queste teorie dovrebbero fare parte del bagaglio culturale e professionale di ogni insegnate di lingua, non importa se di inglese, tedesco o spagnolo, poiché sono teorie universalmente valide e riconosciute per lo sviluppo delle competenze linguistiche di tutti coloro che apprendo non solo una prima lingua, ma anche le cosiddette lingue “target”, ovvero quelle lingue che un individuo deve o vuole imparare in aggiunta alla sua prima lingua.

Vuoi leggere l’articolo più tardi? Scarica gratuitamente il PDF, compila il form:


Acquisition-learning hypothesis

Secondo l’ipotesi di acquisizione-apprendimento di Krashen, esiste una distinzione ben definita tra l’apprendimento e l’acquisizione di una nuova lingua. Nella teoria di Krashen, il metodo preferito va ricercato nel processo di acquisizione o, a rigor di termini, una naturale inclinazione di ciascun individuo a cogliere nuove parole e modi di comunicare semplicemente imitando i propri simili. Ad esempio, questo potrebbe valere per le persone che si trasferiscono all’estero per lavoro o per gli immigrati che arrivano in un nuovo paese. Essere immersi in un ambiente in cui possono parlare e ascoltare la loro lingua target li aiuterà a sviluppare le loro abilità linguistiche, senza la necessità di imparare effettivamente la lingua attraverso un percorso accademico. Per questi motivi, credo che gli istruttori EFL debbano offrire ai propri studenti la possibilità di vivere le lezioni come un’occasione per vivere situazioni di vita reale.

Questo potrebbe essere fatto attraverso un uso estensivo di giochi di ruolo, momenti di conversazione, attività di ascolto, senza concentrarsi troppo sui dettagli e sul lato grammaticale della lingua. La grammatica è importante, ma può essere risolta in un secondo momento, quando gli studenti si sentono sicuri delle loro capacità di parlare, ascoltare e leggere. Ciò potrebbe consentire loro di capire perché hanno commesso o continuano a commettere determinati errori, piuttosto che avere la sensazione che le regole grammaticali siano difficili da imparare e ricordare. Potrebbe sembrare una terapia d’urto ma credo che questo sia il modo migliore per iniziare a usare la lingua target. Non puoi ordinare il cibo al ristorante enunciando le regole del present perfect, puoi farlo conoscendo il vocabolario appropriato per quel contesto, anche se la trasposizione verbale e sintattica non è perfetta.

ragazza con bandierine delle lingue più famose al mondo

Affective Filter Hypothesis

Credo fermamente nella creazione di un ambiente positivo e stimolante in cui gli studenti possano sentirsi a proprio agio. Questo è ciò che promuove l’ipotesi del filtro affettivo. Ogni trainer di lingua dovrebbe assicurarsi di aiutare gli studenti a sentirsi come se fossero sempre appartenuti alla classe. Nessuno studente dovrebbe sentirsi a disagio o spaventato. Iniziare con degli ice breakers ad esempio è un’ottima idea, soprattutto durante le prime lezioni. Gli studenti possono conoscersi e iniziare a costruire relazioni di fiducia tra di loro. La fiducia è fondamentale, poiché gli studenti non solo devono fidarsi del proprio istruttore, ma devono anche fidarsi dei compagni di classe poiché potrebbero aiutarsi a vicenda durante le attività in classe o i compiti a casa. Gli ice breakers potrebbero diventare parte della routine della classe. Iniziare le lezioni chiedendo agli studenti come si sentono, o se hanno dei dubbi rispetto alle lezioni precedenti, potrebbe essere un buon modo per impegnarsi in conversazioni e confronti costruttivi. Inoltre, la routine può aiutare gli studenti a concentrarsi sul contenuto delle lezioni piuttosto che a capire cosa devono fare ogni volta che entrano in classe.

Ciò potrebbe essere ottenuto attraverso attività specifiche che possono essere ripetute e adattate ai contenuti delle diverse lezioni. La disposizione dei posti, in una classe fisica, può sicuramente essere presa in considerazione per accoppiare gli studenti, ad esempio. Considerando l’ipotesi di input di Krashen, le opzioni di posto a sedere potrebbero diventare una grande risorsa per gli insegnanti al fine di esporre gli studenti a diversi livelli a “input comprensibili”. Gli studenti sono raramente allo stesso identico livello e questo potrebbe potenzialmente portare a situazioni in cui alcuni di loro potrebbero sentirsi lasciati indietro. Avere un compagno con una conoscenza leggermente superiore seduto accanto a te potrebbe incoraggiarti a fare dei passi per raggiungere lo stesso livello. Inoltre, gli studenti potrebbero sentirsi più a loro agio a volte nel porre domande a un compagno di classe piuttosto che interrompere l’insegnante, soprattutto all’inizio, quando potrebbero avere paura di parlare pubblicamente davanti alla classe. La disposizione dei posti deve essere presa in considerazione ogni volta che abbiamo studenti provenienti da paesi diversi. Mescolare diverse nazionalità (e lingue) può incoraggiare gli studenti a prendere le redini e provare a parlare inglese. Quando possibile, sarebbe meglio evitare di lasciare che gli studenti dello stesso paese si siedano uno accanto all’altro.

Speexx è uno dei più apprezzati e diffusi fornitori di formazione linguistica e coaching aziendale: 1500 organizzazioni nel mondo usano le nostre soluzioni per apprendere una lingua in modo più intelligente e ottenere risultati in modo rapido.