Tempo di vacanza | In alcune aziende le ferie sono illimitate: quali vantaggi e svantaggi?

Il mese scorso Goldman Sachs ha annunciato che il personale senior potrà usufruire di ferie illimitate. Questo approccio non è nuovo: precursori sono stati Netflix, LinkedIn, Roku, Github e altri. Ma quello che rende il caso Goldman Sachs più significativo è che l’operatore di primo livello nei servizi finanziari ha sempre avuto una reputazione non troppo gentile nei temi della cultura aziendale: orario prolungato per il personale più giovane, politica di lavoro in ufficio e sempre a tempo pieno.

Da quando la pandemia è entrata nelle nostre vite però le organizzazioni hanno dovuto rispondere a sfide nuove: smart-work, hybrid-work, “grandi dimissioni”. E allora le politiche di retribuzione, benefit, flessibilità e ferie sono diventate il modo in cui i datori di lavoro si distinguono dai potenziali candidati. Potrebbe essere presto per dire se Goldman Sachs abbia fatto questa mossa per il benessere dei dipendenti o per qualche altro interesse, magari economico, nascosto. Ma a prescindere dal caso isolato, l’idea delle ferie illimitate quali vantaggi e svantaggi comporta?

Vuoi leggere l’articolo più tardi? Scarica gratuitamente il PDF, compila il form:


Che cosa significa dare la possibilità delle ferie illimitate

Se un’azienda offre ai propri dipendenti ferie illimitate, significa che ha fiducia che essi possano gestire le proprie ferie e prendersi tutto il tempo che ritengono necessario. Se i dipendenti rispettano tutte le scadenze, possono scegliere quando prendere un giorno di ferie e quando lavorare. In altre parole, vengono valutati in base ai loro risultati, non alla loro presenza fisica.

Questa tendenza è nata negli Stati Uniti negli anni ‘90 ed è ora adottata da molte aziende anche nel Regno Unito. Offrendo questo incentivo, si spera che i dipendenti si approprino del loro lavoro e godano di una migliore integrazione tra vita privata e lavoro.

ragazza che presenta alla lavagna

I vantaggi delle ferie illimitate

Una politica di ferie illimitate può innanzitutto responsabilizzare la forza lavoro e aumentare la soddisfazione dei dipendenti, incidendo in modo positivo anche sulla loro produttività. Di certo può essere anche un’alleata nell’attrazione dei nuovi talenti rappresentando un elemento con cui distinguersi nel mercato del lavoro.

Le aziende imparano così anche a fidarsi dei propri dipendenti, che si comportano come degli stakeholder e sono responsabili della gestione del proprio tempo e del proprio carico di lavoro. I benefit cosiddetti “flessibili”, come le ferie illimitate, contribuiscono anche alla costruzione di un clima aziendale nella direzione del benessere psicologico dei lavoratori.

Gli svantaggi delle ferie illimitate

Il fatto di non avere delle tempistiche di ferie prestabilite può portare a un aumento di ansia da lavoro. Questo perché i dipendenti non sono consapevoli del limite di ferie accettabile e temono di essere giudicati in modo negativo. Così come i manager potrebbero non sentirsi in grado di prendersi delle ferie.

Una politica di ferie illimitate inoltre, se non gestita correttamente, può portare all’iniquità. Ad alcuni dipendenti può andare bene prendere 30 giorni di ferie, mentre altri rischiano di gravare troppo sui colleghi. E se il preavviso per andare in ferie è poco o nullo, questo potrebbe comportare problemi di produttività.

Speexx realizza progetti di formazione e valutazione linguistica blended a distanza per le aziende. Aiutiamo le grandi organizzazioni in tutto il mondo a incrementare la produttività attraverso il miglioramento delle competenze comunicative dei propri dipendenti.

FIND OUT MORE!