Se sei al corrente su ciò che coaching e formazione possono comportare all’interno delle aziende, probabilmente la parola mentoring non ti sembrerà così estranea.
Le aziende oggi hanno capito che il loro vero valore e potenziale risiede nel loro talento interno. Questo è il motivo per cui il mentoring ha iniziato a essere sviluppato in un modo strutturato e organizzato che consente al sapere di essere formalmente trasmesso da un dipendente all’altro con un chiaro obiettivo di crescita e sviluppo.

 Speexx_Blog_Mentoring-for-companies_image

Il passaggio di questo tipo di informazioni tra i collaboratori avviene di solito sia in senso orizzontale che verticale. Anche se sono i talenti più senior a essere presi in considerazione in un primo momento per condurre le sessioni di mentoring in modo più trasversale.

 

Sommario:

Cos’è il mentoring?

Il mentoring è una relazione professionale tra collaboratori con l’obiettivo di guidare, far crescere e sviluppare le loro carriere professionali attraverso il trasferimento di conoscenze. Affinché questa relazione abbia inizio, è necessario che le conoscenze e le esigenze di mentore e mentee trovino una corrispondenza tra di loro.

Il mentore avrà il compito di guidare il mentee nel suo processo di sviluppo e crescita. Entrambi si impegnano ad accompagnarsi reciprocamente durante il processo, condividendo esperienze e conoscenze con un obiettivo comune e sotto l’egida dei valori e della cultura dell’azienda cui appartengono.

 

Vantaggi del mentoring a tutti i livelli

Il mentoring è un ulteriore strumento dei piani di formazione aziendale. Ma, nel suo caso, ha una particolarità che gli altri piani di formazione non hanno: il mentoring è l’impulso per la crescita sostenibile dei talenti che l’azienda già possiede. Molte aziende tengono già in considerazione il mentoring e stanno prendendo l’iniziativa attuando questi programmi grazie alla ​​varietà dei loro benefici.

Ecco quali sono:

  • Sviluppo di nuove competenze: attraverso il trasferimento di conoscenze dal mentore al mentee su competenze pratiche, tecniche o specifiche incentrate sullo sviluppo.
  • Creazione di nuove reti tra colleghi: mettendo in contatto diversi collaboratori per condividere le conoscenze, si generano nuove connessioni che potrebbero non esserci durante le varie attività quotidiane. La diversità nei team sarà molto utile per trovare soluzioni innovative.
  • Mobilità verso l’alto dei dipendenti: i piani di mentoring sono lo strumento principale per incrementare i talenti nelle aziende. Pianificare una chiara proiezione della carriera professionale del mentee è uno degli obiettivi principali del mentoring.
  • Risposta efficace ai cambiamenti strutturali all’interno delle organizzazioni: il mentoring è uno strumento più accessibile per le aziende in tempi di cambiamento. Avere talenti all’interno dell’azienda stessa richiederà solo un’azione organizzativa, a differenza di altri tipi di formazione che richiedono azioni esterne, come la ricerca di fornitori e che necessitano anche di un’implementazione diversa e più strutturata.
  • Boost professionale: questa formazione  tra dipendenti della stessa azienda sarà lo strumento perfetto per investire sui dipendenti stessi.

Tenendo conto del proprio percorso professionale, potrai pianificare la tua carriera considerando il tuo potenziale e il programma di mentoring che verrà preparato appositamente per te.
Nel caso dei mentori, l’attestazione di fiducia che ricevono dall’azienda stessa può essere uno strumento che responsabilizza il professionista, potenziando la sua carriera e le sue competenze di leadership.

Speexx_Blog_Mentoring-in-the-workplace_image

Differenze tra mentoring e coaching

Il coaching e il mentoring possono sembrare processi simili. E lo sono. Entrambi hanno l’obiettivo comune di perseguire la crescita e lo sviluppo personale e professionale delle persone, ma comportano due diversi tipi di relazione. Vediamo tutto nel dettaglio:

  • A lungo termine e a breve termine: la relazione tra mentore e mentee nasce con un obiettivo di crescita e sviluppo a lungo termine. Il coaching, invece, è un processo a breve termine focalizzato su un tema, un’abilità e un obiettivo specifici.
  • Obiettivi diversi: mentre il coaching stabilisce un obiettivo concreto (e misurabile) all’inizio del processo, identificando i bisogni e stabilendo un piano d’azione, il mentoring è un processo a lungo termine di guida e accompagnamento che persegue la crescita professionale all’interno di uno specifico processo di apprendimento.
  • Esperienza e ruoli professionali: le relazioni che si creano in entrambi i processi rappresentano uno squilibrio di conoscenze tra i due professionisti.
    Sia il coach che il mentore sono esperti in una materia che il coachee e il mentee vogliono – o hanno bisogno – di imparare. Nel caso del coach, ci si concentra fondamentalmente su un’abilità chiave da sviluppare, mentre il mentore sarà la guida per l’apprendimento durante un processo di crescita, sviluppo, inserimento, promozione, ecc.
    Inoltre, il coach è solitamente una persona esterna all’azienda, mentre la caratteristica principale del mentoring è che il mentore fa parte dell’azienda (e persino del team).

Come il coaching può migliorare la leadership femminile in un mondo di BIAS cognitivi

Promuovi una cultura di empowerment, guida la crescita dell’organizzazione e apri la strada a un ambiente di lavoro più equo e prospero.

Scopri di più

Webinar Replay

Grazie! A breve riceverai il contenuto tramite mail.