Diversity & Inclusion: tanti vantaggi per le aziende ma bisogna fare attenzione all’assimilazione

Cosa si intende per diversità e inclusione? E perché questo tema, conosciuto anche con l’acronimo DEI, è importante nel 2022 e lo sarà ancora di più? E siamo sicuri che puntare su iniziative per valorizzare la diversità non rischi a volte di portare verso un’assimilazione anziché a una vera inclusione? Facciamo una riflessione in questo articolo per capire perché le aziende dovrebbero pensare al tema della diversity & inclusion, ma anche in che modo farlo.

Vuoi leggere l’articolo più tardi? Scarica gratuitamente il PDF, compila il form:


Perché il tema della diversity & inclusion è importante in Italia

L’Un Global Compact Network Italia, nel dicembre scorso, ha presentato le nuove Linee guida diversity & inclusion in azienda, realizzate insieme all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) e all’Associazione Italiana Direzione del Personale (AIDP). Linee guida necessarie perché, stando all’Osservatorio Diversity & Inclusion (al suo primo anno di attività), le aziende, nonostante la situazione sia regolata da diverse leggi, vanno spesso in direzione contraria creando delle disuguaglianze al proprio interno.

Questo avverrebbe in particolare nelle fasi di selezione del personale e a causa dei cosiddetti bias cognitivi. Pregiudizi inconsci da parte di chi si occupa di HR che possono tradursi in contratti precari, differenze salariali, meno occasioni di carriera ecc…

Eppure puntare sull’inclusione, ritenuta come il riconoscimento e la valorizzazione di chi è diverso, costituisce un’opportunità per l’azienda. Per tantissimi motivi: maggiore soddisfazione delle persone, team più ricchi e più completi, maggiore attrattività anche in ottica employer branding. Aspetto di cui le aziende sono diventate più consapevoli tant’è che, come mostra Indeed, motore di ricerca per il lavoro, le offerte che danno spazio alla diversità e all’inclusione sono aumentate del 23%.

Ma basta un annuncio di lavoro scritto in un certo modo per andare nella direzione della diversity & inclusion? Un annuncio funziona nelle prime fasi, sicuramente, ma è tutto ciò che avviene una volta che si entra in azienda a fare la differenza o… meglio a poter far decidere di puntare sulla diversità.

diversity inclusion

I vantaggi della diversità e dell’inclusione per le aziende 

Come dicevamo, avere dei team composti da persone diverse – origini differenti, culture differenti, background ed esperienze differenti – permette veramente di prendere strade nuove e fare innovazione.

Basti pensare a una delle discriminazioni più diffuse nel mondo del lavoro: quella relativa all’età. Pensare che, per esempio, per una campagna social, ai giovani possano parlare solo altri giovani vuol dire chiudersi e privarsi dell’esperienza che, in un settore comunicativo, può dare qualcuno che appartiene a una generazione diversa e può avere una visione più a lungo termine. Oltre a segnalare eventuali criticità organizzative o poter dire la propria sul momento in cui far partire la campagna. Sono solo esempi, ovviamente, ma danno l’idea di quelli che sono i vantaggi del puntare sulla diversità.

Oltre a questi, in generale, la diversity & inclusion porta vantaggi in termini di:

1) aumento della creatività

2) prestazioni più elevate

3) attività di employer branding di maggior successo

4) coinvolgimento dei dipendenti.

Non è tutto rose e fiori, ovviamente, e ci sono delle difficoltà da considerare.

Speexx realizza progetti di formazione e valutazione linguistica blended a distanza per le aziende. Aiutiamo le grandi organizzazioni in tutto il mondo a incrementare la produttività attraverso il miglioramento delle competenze comunicative dei propri dipendenti.

FIND OUT MORE!

Il rischio dell’assimilazione e del conformismo

Valorizzare la diversità per esempio può a volte diventare controproducente. Se ci si accorge che in azienda le donne in certi ruoli sono poche, attuare delle politiche che le valorizzano tout court può essere un autogol. Perché? Perché in questo modo si può creare l’effetto contrario ossia gener