Come utilizzare il coaching per sostenere la diversità, l’equità, l’inclusione e l’appartenenza in azienda 

Le aziende di tutto il mondo si sono rese conto dell’importanza di garantire che i loro luoghi di lavoro rappresentino le comunità che ospitano. Tuttavia, capire come promuovere la diversità, l’equità, l’inclusione e l’appartenenza sul posto di lavoro e modellare al meglio le strategie DEIB (Diversity, Equity, Inclusion and Belonging) rimane una sfida. Il coaching è un valido alleato per affrontarla.

I metodi tradizionali di formazione sulla diversità e l’inclusione in cui le aziende investono per formare i leader si sono rivelati un’arma a doppio taglio. I leader se ne vanno con la consapevolezza, ma non con le capacità di apportare cambiamenti. Abbinare i programmi di coaching ai programmi DEIB porterà a risultati più duraturi e aumenterà produttività e soddisfazione.

Vuoi leggere l’articolo più tardi? Scarica gratuitamente il PDF, compila il form:


Definire il coaching DEIB: a chi e a che cosa può servire

A differenza dei workshop singoli o della formazione di gruppo, il coaching si svolge di solito in contesti individuali ed è un processo continuo. Richiede molto più tempo ma è un approccio che incoraggia davvero l’impegno e il cambiamento comportamentale a lungo termine.

Con la guida del coaching DEIB, ad esempio, i dipendenti possono sentirsi più a loro agio nelle conversazioni e nelle situazioni che riguardano le identità e le differenze, tra cui etnia, abilità e neurodiversità. Il coaching in ottica DEIB può essere appropriato anche per le persone che possiedono identità tradizionalmente oppresse e che lottano per sentirsi accettati, a volte anche sul luogo di lavoro.

ambiente deib

Il coaching DEIB è un viaggio, non una destinazione: partire dagli obiettivi individuali

È importante capire che il viaggio per diventare un’organizzazione inclusiva non ha un’unica destinazione ma è un viaggio che non finisce. Ci sono di certo risultati misurabili associati al coaching ma non c’è limite all’ampiezza della conoscenza e al miglioramento.

Per arrivare a essere una società inclusiva il coaching aiuta fin dall’inizio partendo dalla definizione di obiettivi individuali. Ad esempio, qualcuno potrebbe avere l’obiettivo personale di acquisire maggiore fiducia nel tenere conversazioni difficili sulla discriminazione di genere sul posto di lavoro, sia con le vittime sia con coloro che potrebbero perpetrare questo comportamento. Qualcun altro potrebbe anche voler sviluppare competenze in più per supportare meglio gli altri.

Speexx è uno dei più apprezzati e diffusi fornitori di formazione linguistica e coaching aziendale: 1500 organizzazioni nel mondo usano le nostre soluzioni per apprendere una lingua in modo più intelligente e ottenere risultati in modo rapido.

FIND OUT MORE!