Il dinamico settore delle risorse umane è noto per il suo continuo adattamento alle nuove tendenze e innovazioni. Nel 2023, una delle novità più significative è rappresentata dal quiet hiring, una metodologia rivoluzionaria che sta riscrivendo le regole del reclutamento nelle aziende di medie e grandi dimensioni; questa strategia non convenzionale offre un approccio olistico al reclutamento dei candidati, ponendo l’accento sul loro potenziale e sulle loro competenze. Il quiet hiring rappresenta una risposta efficace all’attuale carenza di talenti in numerosi settori, offrendo un modo più rispettoso e inclusivo per attrarre e trattenere i migliori professionisti.

In questo articolo ti spieghiamo esattamente di cosa si tratta e come può essere di supporto per le aziende.

post it con scritto quiet hiring

Sommario:

La definizione di quiet hiring

Il quiet hiring è una strategia di selezione delle persone unica nel suo genere. A differenza delle tecniche tradizionali che si basano su criteri rigidi e misurabili, il quiet hiring considera l’intero panorama delle competenze e delle potenzialità di un candidato. Questo approccio consente di valorizzare le persone per quello che sono realmente, anziché limitarsi a una valutazione superficiale basata su titoli di studio e delle esperienze pregresse. Inoltre, il quiet hiring impone un alto livello di riservatezza durante il processo di assunzione. Questa riservatezza è fondamentale per minimizzare il “rumore” che può derivare dalla divulgazione di nuove assunzioni, evitando così distrazioni e la creazione di tensioni interne.

Il quiet hiring si concentra anche sull’upskilling delle risorse interne all’azienda, puntando alla valorizzazione delle competenze  già esistenti all’interno dell’azienda, anziché cercare nuovi talenti all’esterno.

Ebook - Il Metaverso: fantascienza o futuro incombente?

Scarica

Scarica il documento

Grazie! A breve riceverai il contenuto tramite mail.

Il quiet hiring come strumento per scoprire i talenti nascosti

Uno degli aspetti più interessanti del quiet hiring è la sua capacità di far emergere i talenti nascosti. Le tecniche di assunzione tradizionali possono facilmente trascurare i candidati qualificati in base a criteri rigidi e standardizzati. Al contrario, il quiet hiring offre una prospettiva più ampia, permettendo di individuare potenziali talenti che potrebbero essere stati trascurati con gli altri metodi di selezione. Questa capacità di identificare talenti nascosti rappresenta una grande opportunità per le aziende, che possono beneficiare di un insieme più ampio e diversificato di competenze e conoscenze.  

Un elemento chiave del quiet hiring è l’assessment, ovvero la valutazione delle competenze dei dipendenti. Questo strumento permette di individuare i punti di forza e le aree di miglioramento di ciascuna persona, permettendo così di personalizzare i percorsi di upskilling.

5 steps per implementare il quiet hiring in azienda

1. Creare una cultura di apertura 

Il primo passo verso l’implementazione del quiet hiring è quello di creare una cultura aziendale di apertura e trasparenza. Le aziende devono incoraggiare i dipendenti a esplorare nuove opportunità senza temere possibili ripercussioni. Questo può essere realizzato promuovendo una comunicazione aperta, incoraggiando il feedback e dimostrando un impegno verso la crescita e lo sviluppo dei dipendenti. È essenziale che i dipendenti si sentano valorizzati e riconosciuti per le loro abilità e contributi, e che sappiano che l’azienda è disposta a sostenere la loro crescita professionale.

2. Adottare politiche di flessibilità 

Il secondo passo per implementare con successo il quiet hiring riguarda l’adozione di politiche di flessibilità. Questo significa offrire ai dipendenti opzioni di lavoro flessibili che permettano loro di bilanciare le esigenze personali e professionali. Ciò potrebbe includere l’offerta di orari di lavoro flessibili, la possibilità di lavorare da casa o la possibilità di passare da un ruolo all’altro all’interno dell’azienda. Queste politiche non solo ad attrarre i talenti ma anche a trattenerli, promuovendo così la soddisfazione e l’impegno dei dipendenti.

3. Formazione e sviluppo 

Il terzo step per l’implementazione del quiet hiring è l’investimento nella formazione e nello sviluppo dei dipendenti. Le aziende devono fornire opportunità per i dipendenti di acquisire nuove competenze e di sviluppare quelle esistenti. Ciò può essere realizzato attraverso programmi di formazione, workshop, seminari, attività di mentoring e altre iniziative di sviluppo professionale. Questo non solo aiuta i dipendenti a progredire nella loro carriera, ma anche aumenta la loro produttività e la loro capacità di dare all’azienda un contributo di valore.

 4. Feedback e valutazione 

Il quarto passo nell’implementazione del Quiet Hiring è la creazione di un sistema di feedback e valutazione efficace. Le aziende devono fornire feedback regolare e costruttivo ai dipendenti, riconoscendo i loro successi e identificando le aree di miglioramento. Un sistema di valutazione efficace può aiutare i dipendenti a capire come stanno andando e cosa possono fare per migliorare. Inoltre, un’efficace comunicazione dei progressi e delle prestazioni può aumentare la motivazione e l’impegno dei dipendenti.

5. Gestione dei talenti 

Infine, il quinto step per l’implementazione del Quiet Hiring è una gestione efficace dei talenti. Ciò significa ricon