Make vs Do: quando usarli?

In inglese può essere a volte complicato scegliere tra il verbo ‘TO DO’ e il verbo ‘TO MAKE’. La sfumatura di significato che li differenzia spesso confonde gli studenti italiani. Oggi cercherò di chiarire il più possibile gli usi di questi due verbi fondamentali della lingua inglese in modo che tu possa sentirti più sicuro ad usarli correttamente.

Il verbo ‘TO DO’ si usa nei casi seguenti:

_________
✔ quando si parla di lavoro, studio, incarichi e responsabilità lavorative in genere. Attenzione: si fa riferimento a lavori che non producono nessun oggetto fisico.

– Have you done your homework?
– I wouldn’t like to do that job

✔ quando parlando, fai riferimento ad attività in generale senza essere troppo specifico. In questo caso è accompagnato da parole generiche come thing/ something/ anything/ everything

– Hurry up! I’ve got things to do!
– Is there anything I can do for you?

✔ per sostituire verbi dal significato più specifico. Questo è molto comune nell’inglese parlato informale.

– Do I need to do my hair? (do=brush)
– Have you done the dishes yet? (do=washed)
– I’ll do the kitchen if you do the lawns (do=clean)

✔ per gli sport praticati senza l’uso della palla, espressi da un sostantivo

– I do aerobics
– Ann does horseriding

Il verbo ‘TO MAKE’ si usa quando si parla di costruire, creare, produrre qualcosa di assolutamente nuovo. Inoltre:

_________
✔ Si usa per descrivere l’origine di un prodotto o i materiali che sono stati usati per fare qualcosa:

– My wedding ring is made of gold
– Wine is made from grapes
– The watches were made in Switzerland

✔ Si usa per descrivere una reazione ad un’azione:

– Onions make your eyes water
– You make me happy

✔ Si usa dopo certi nomi per parlare di piani e decisioni:

– make a choice
– make the arrangements

✔ Si usa con il cibo, bevande e pasti:

– make a cake
– make a cup of tea
– make dinner

✔ Si usa in riferimento al denaro:

– make money
– make a profit

✔ Si usa in riferimento alle comunicazioni:

– make a call
– make a complaint
_________

🔎 Veniamo ora alle particolarità, alle eccezioni e alle espressioni idiomatiche che sottolineano la differenza tra DO e MAKE. Sotto trovi qualche esempio::

– make sure

– make your bed

– make money

– make a mistake

– make a promise

– make a speech

– make a reservation

– make a decision

– make a good/bad impression

– make a mess

– make friends

– make a choice

– make a cake

– make lunch

– make a phone call

– make noise

– do nothing

– do an exercise

– do someone a favour

– do well

– do your homework

– do your best

– do the right thing

– do business

– do a course

– do the rest

– do your job

– do wrong/right

– do research

– do a course

– do exercises

– do harm

Ci sono molti modi per migliorare una lingua, leggere un libro in lingua originale è uno di questi. Se hai dimestichezza con l’inglese e vuoi perfezionarlo, senza imbatterti però in letture troppo difficili, nell’articolo “I migliori libri per imparare l’inglese” trovi titoli che potrebbero fare al caso tuo.

Leggi l’articolo “I migliori libri per imparare l’inglese”

_________
Quindi ora, “do your best and don’t make mistakes!” 😉

Autore:

Luisa Romano is an English teacher, born and raised in UK. Her parents are Italian, hence her fluency in 2 languages. She started teaching in 2003 as a hobby, soon she realised how much she loved it and decided to give up her office job to fully concentrate herself on the teaching career. Luisa moved to Rome in 2013, she needed a change and above all the Italian sunshine. As a freelance English Teacher, she joined Speexx in 2013 and she has been involved not only in teaching online and face2face but also in various projects such as proofreading and content creation.