Un capo mediocre: quanto costa alla tua azienda?

Secondo uno studio della Florida State University, il 40% dei dipendenti che lascia un’azienda lo fa a causa di un capo mediocre.

Perché?

Promesse non mantenute dal capo, dare la colpa ai dipendenti per errori provenienti dall’alto, mancanza di credibilità, engagement interno lasciato al caso, commenti sprezzanti, scarsa comunicazione tra le parti, processi decisionali disorganizzati…e la lista potrebbe essere ancora molto lunga.

L’impatto di una leadership mal gestita non è semplicemente emotivo, è finanziario.

Diversi studi di settore mostrano che sino al 32% del turnover interno dei dipendenti potrebbe essere evitato con una migliore gestione della leadership. Per aiutarvi con la matematica, le stime dicono che il costo può aggirarsi intorno al 150% dello stipendio annuale del dipendente. Di poco inferiore per profili più junior, è in ogni caso un costo elevato per l’azienda.

Naturalmente non è solo il costo di una riassunzione. Tutti ciò impatta sulla produttività, sulle relazioni con i clienti, la crescita dei ricavi, i costi di formazione, la perdita di conoscenze interne, la capitalizzazione del mercato.

Altre analisi indicano che strutture manageriali scadenti costano all’azienda circa il 15% delle vendite annuali e che una leadership negativa scoraggia l’engagement dei dipendenti fino al 20%.

Molti possono arrivare a dimostrare il loro malcontento influenzando negativamente ed in modo del tutto controproducente altri dipendenti: non mancano i casi di assenza in giorni strategici e addirittura arrivare a far scappare i clienti attraverso un servizio scadente, ad esempio.

E’ necessario capire che bisogna attentamente osservare chi consideriamo essere un leader aziendale. Se lasciato solo e se senza le capacità necessarie per una gestione strategica e giusta dei team, un leader negativo avrà un’unica visione, la propria. Il risultato è spesso un processo che, semplicemente, peggiora di volta in volta, a ripetizione sulle varie linee.

La buona notizia è che tutto questo può essere evitato. Guardate alle capacità di leadership, analizzate bene i processi di recruiting e l’attività promozionale interna andate oltre ai numeri relativi a volumi di vendite, produttività e fatturato. Il consiglio è inoltre di affidarsi a servizi di analisi dell’engagement dei dipendenti verso l’azienda. Se siete realmente vicini al vostro business gli indizi saranno già lì. Se non siete così vicini alle tematiche di engagement il consiglio è di addentrarvi quanto più all’interno della vostra azienda, e fatelo quanto prima.

Si dice che quando i dipendenti si licenziano, scappino dai manager, non dalle aziende. Può essere anche vero, ma sostanzialmente il punto è che di fatto abbandonano tutta l’azienda.

Prova Speexx
2016-10-27T08:01:56+00:00
William is an expert HR/ training professional with over 20 years in implementing best practices by developing, managing and leading a wide range of HR, learning and development strategies while achieving success in terms of employee performance, productivity, process optimisation and profitability across Middle East and Asia as well as with American and European Corporations.